RECENSIONI DISCHI

AlterRed - Dollstown

Danse Macabre-AF Music

Indietro

L’ingegno  degli AlterRed è riscontrabile già dalla traccia iniziale “Dolltown”: l’obiettivo originale  di unire il cabaret avanguardistico dalla voce teatrale al synth-pop  danzereccio e spensierato non è da tutti.  Questo intreccio musicale, del resto già presente nel precedente album “Mind Forded Manacled”, ha portato il combo Londinese ad essere etichettato come un “maestro del genere” anche se, a dire il vero, di discepoli in giro per il mondo non è che se ne contino poi molti. Nell’album si susseguono tracce synth-pop classiche come “And We Disappeared”  a composizioni dall’impalcatura EBM leggi “Rebuild rewire”, “In recovery” o “And the machine” ma è con la sperimentazione che gli AlterRed danno il meglio. Già detto della opening track, l’album è cosparso di piccole perle musicali come “Eve”, “As She Circles In The Rain”, “A Different Face” e “Torn & Tie” dove i  Depeche Mode con i Front 242 si scontrano frontalmente con i Dresden Dolls. Concludo consigliando gli AlterRed di perseguitare nel loro lato sperimentale lasciando la classica elettro-synth-song per essere sì ricordati ai posteri come veri maestri di un nuovo genere.

Mr. Moonlight

Copyrigth @2007 - 2021 By Erba della Strega