RECENSIONI DISCHI

PSYCHO KINDER - Democratiche Ipocrisie

autoprodotto 2012

Indietro

Tornano gli Psycho Kinder con un ep che, oltre a contenere due tracce già presenti sul lavoro precedente, ci regala tre bani freschi freschi che segnano un notevole passo in avanti per il trio di casa nostra. Se è vero che la matrice post punk asciutta e schietta è rimasta invariata, la coesione dei membri è cresciuta in maniera esponenziale, portandoli a composizioni mature ed efficaci come la title track o alla Daniel Ashiana "Per Non Impazzire". Le liriche restano pungenti e dirette, veri e propri proclami al vetriolo che copliscono per crudezza ed incisività, grazie anche al declamare istrionico di Alessandro Camilletti che sottolinea con ogni sbavatura i passaggi da strofa a strofa. Un e.p. convincente, che fa degli Psycho Kinder una delle realtà più interessanti del panorama italico underground attuale. Non vedo l'ora di sentire un vero e proprio lp, Otto tracce (non di più) che permettano alla band di lasciare davvero il segno sulla scena.

Max1334

Copyrigth @2007 - 2018 By Erba della Strega