RECENSIONI DISCHI

DOROTHI VULGAR QUESTION - L'equilibrio

autoprodotto 2008

Indietro

Ricordate i Symbiosi? Gli Wilderness?? gli Horn Beat? Bene. Siamo nel cuore degli '80, la darkwave dava i suoi frutti in Italia, finchè tutto poco alla volta scivolò verso altro, o verso il nulla. A distanza di vent'anni è dunque un piacere risentire nomi come Alessandro Grassini (giàchitarra dei Symbiosi e degli Wilderness), Marco Provvedi, Alessandro Tucci e Matteo Lotti (ovvero tre ex Horn Beat). Più strano è vedere affiancato a il loro nome quello di Nico Bottiglioni, ex Full Vibration, una band Reggae che aveva alzato un pò di polvere tempo fa grazie ad una manciata di canzoni divertenti e pungenti. L'unione di queste anime ha dato vita al progetto Dorothi Vulgar Questions, e quello che ho tra le mani è il debutto su lunga durata che segue un demo omonimo già valido di per se. Tra Post Punk, wave ed influenze fortemente indie, scivolano via le undici tracce del lavoro. E alla fine viene voglia di rimetterlo nel lettore e farlo girare ancora. E ancora. Perchè L'equilibrio  è uno di quei pochi dischi attuali che sa riallacciarsi al post punk ed alla psichedelia con stile, senza voler risultare originali a tutti i costi ma senza nemmeno ristagnare nei soliti clichè triti e ritriti. Ci sono strizzate d'occhio ai Mercury Rev, strette di mano con l'indie quasi mainstream di u2 e REM prima metà '80, occhiate con i Norvegesi Motorpsycho... quasi troppa carne al fuoco. Ma indubbiamente di qualità. Coprimi ed Hate You sono a mio avviso i brani migliori, soprattutto quest'ultima, diretta, veloce, saltellante, disillusa, molto Lee Ranaldiana... brano da ascoltare in heavy rotation finchè non vi entra definitivamente sotto la pelle. Un buon lavoro davvero.

Max1334

Copyrigth @2007 - 2017 By Erba della Strega