RECENSIONI LIBRI

Ace Frehley (con Joe Layden e John Ostrosky) - No Regrets: A Rock 'n' Roll Memoir

Simon & Schuster 2011

Indietro

Ognuno ha un suo membro preferito nelle band. Sopratutto quando si parla di vecchio Rock. Nei Kiss indubbiamente la mia scelta cadeva su Ace Frehley, il pių genuino, diretto, portatore (in)sano della triade Sex Drugs and Rock and Roll, l'uomo dello spazio, quello che a differenza degli altri tre fumettoni sapeva anche suonare come si deve e sopratutto comporre canzoni ottime. Nel 1979 i Kiss fecero una manovra di marketing micidiale: quattro album solisti, uno per ogni menbro, che uscirono in contemporanea. Ognuno lavorava al suo. Gene, Peter e Paul pubblicarono tre porcherie, nonostante l'aiuto di un sacco di collaboratori esterni. Ace fece tutto da solo, e scrisse quello che č a mio avviso il disco pių bello dei Kiss, al pari di Alive. La sua autobiografia non poteva che essere schietta, diretta, sanguigna e cruda, come č giusto che sia. Si parla dell'infanzia nel Bronx, degli anni dell'adolescenza tra bande di strada, dell'amore per la chitarra e della nascita dei Kiss, dalle fogne agli stadi pieni, fino al suo allontanamento, le droghe,le donne, la reuinion del 96... Il tutto raccontato con piglio ironico e sfacciato, ma mai autocelebrativo. Consigliato a tutti coloro hanno visto nell'autobiografia di Simmons troppi discorsi da businessman. Ace da quel punto di vista era zero, ma sul lato del Rock... Un nome, una garanzia. Per ora solo in inglese.

Max1334

Copyrigth @2007 - 2018 By Erba della Strega